empanadas

Empanadas argentine

argentina Le empanadas argentine sono una pietanza antica che venne introdotta dagli Arabi prima in Spagna e Portogallo, e successivamente in Argentina e in tutta l’America Latina.

E’ il piatto tipico che viene proposto durante le feste locali: è caratterizzato da un ripieno a base di carne o pesce con verdure e spezie piccanti.

Volendo fare un paragone ricordano la panada sarda.

 

INGREDIENTI per l’impasto (13 empanadas)

Sale 5 gr
Acqua tiepida 125 ml
Olio di oliva extravergine
Farina tipo 00 250 gr

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

Cipolle bianche 125 gr
Strutto 25 g
Un Uovo
Uvetta 15 g
Peperoncino verde lungo
Peperoncino piccante in polvere q.b.
Paprika in polvere
Cumino
Olive verdi denocciolate 25 gr
Carne bovina manzo 125 gr

PROCEDIMENTO

Fai sciogliere il sale nell’acqua a temperatura ambiente; metti la farina in una ciotola e aggiungi l’acqua salata con olio: impasta bene a mano fino a quando otterrai un impasto liscio e ben amalgamato. Mentre lasci riposare la pasta per realizzare il ripieno metti in ammollo l’uvetta; fai cuocere un uovo per renderlo sodo e tagliatelo a fettine sottili (circa 13).

Sciogli lo strutto in una padella e fai soffriggere la cipolla tritata: aggiungi la carne macinata, il peperoncino in polvere, la paprika e il cumino lasciando cuocere a fuoco basso. Puoi aggiungere anche il peperoncino verde tagliato a rondelle per rendere il tutto ancora più piccante. Dopo 20 minuti aggiungi le olive e l’uvetta.

A questo punto stendi la pasta sottile e ricava 12-13 cerchi utilizzando un bicchiere largo: su ogni cerchio poni un cucchiaino di ripieni e una fettina di l’uovo sodo. Chiudi il tutto premendo bene sui bordi per evitare che il ripieno esca in fase di cottura. Prendi una padella capiente, versa l’olio e portatelo a 170°: in 10 minuti potrete cuocere le empanadas e servirle calde.

Potrai evitare la frittura scegliendo una cottura al forno: in questo caso spennella le empanadas con l’uovo e infornatele in forno statico già caldo a 190° per 15 minuti.

 

Condividi questo articolo